Madrigali Magri-Malacarne-Cd

Meritano attenzione i Madrigali Magri.

Se non altro per l'audacia che li

contraddistingue ogni volta che si

adoperano per confezionare un nuovo album.

Dopo "Lische" e "Negarville" la volta

di "Malacarne",pronto a sollecitare e

rinvigorire anime perse chiss dove alla

deriva di giorni foschi e inconcludenti.

Ascoltando "Malacarne" balza subito alla

mente un aggettivo come scarnificato,

tanto il suono oscuro e sinistro,acceso e

spento del trio di Nizza Monferrato,

amabilmente succube di pensieri enigmatici

che corrono rovinosamente lungo i binari

di irriducibili paranoie.

L'approccio sonoro riconduce sovente

alle concettuali destrutturazioni tipiche

di formazioni quali U.S.Maple,come accade in

"Onda Dura","Era","Orcoboia" oppure in "Tersila".

Curiosamente trovano posto anche momenti pi

vicini alla forma canzone intitolati

"Nuova Casa" e "Alba" dove la voce,sempre

impercettibile e in perenne stato di dormiveglia,

sembra abbozzare una qualche melodia.

Chiude la raccolta "Bianca",ovvero la

traccia che non c'.

(Wallace/Audioglobe)
















by Massimiliano Drommi - 13-10-2002

spedisci questa recensione ad un'amico

commenta questa recensione: vai al forum

 

 
<< ritorna alla homepage

n e w s l e t t e r
Per notizie sempre fresche, barzellette, curiosita' ed altro ogni lunedi. Iscriviti, e' gratis!
p o l l s
Ti piace la nuova homepage?
si, bella e facile nella consultazione
no, un bordello
mah
bella ma lenta
troppi colori


© 2000-2001 MIUZIK.IT Tutti i diritti riservati.

disclaimer | A & R | legal | cos'e' miuzik?| staff/contact us | advertise with us