Hector Zazou-L' Absence-CD

E' trascorso solo un brevissimo lasso di tempo dalla
pubblicazione di "Srong Currents"(CD edito da Materiali
Sonori con allegato il libro curato da Giampero Bigazzi
sul percorso artistico di Hector Zazou,numero due della
serie "Sonora Portraits")che esce,sempre per un'etichetta
italiana,un altro album del musicista/compositore francese;
sulle scene oramai da diverso tempo(la prima apparizione
risale al 1976 nei ZNR;nel corso degli anni vari lavori in
collaborazione con musicisti come John Cale,Harold Budd,
Barbra Gogan,Jon Hassell,Ryuichi Sakamoto,Richard Horowits).

"L'Absence" sprigiona elettronica da tutti i pori,umbratile
e 'silenziosamente' notturno.Il mistero presto svelato:
inconfondibile il (forte)richiamo al trip-hop,alla battuta
lenta,ai suoni 'stilizzati' ed essenziali.Niente,o quasi
sopra le righe.Giusto in coda alla track list ci 'sovvien
l'eterno',nella slide che tratteggia un saporifero
strumentale vagamente tex mex in salsa kraut("Goeland"),
nell'impercettibile voce sussurrata di Asia Argento("Double
Jeu"),e nello spoken word su basi sperimentali pronunciato
da Katrina Beckford("The Workers").

(Santeria/Audioglobe)


by Massimiliano Drommi - 9-3-2004

spedisci questa recensione ad un'amico

commenta questa recensione: vai al forum

 

 
<< ritorna alla homepage

n e w s l e t t e r
Per notizie sempre fresche, barzellette, curiosita' ed altro ogni lunedi. Iscriviti, e' gratis!
p o l l s
Ti piace la nuova homepage?
si, bella e facile nella consultazione
no, un bordello
mah
bella ma lenta
troppi colori


© 2000-2001 MIUZIK.IT Tutti i diritti riservati.

disclaimer | A & R | legal | cos'e' miuzik?| staff/contact us | advertise with us