Old Time Relijun-30/04/2001-Faenza , (Clandestino)

A distanza esatta di un anno,tornano nuovamente in Italia gli Old
Time Relijun per,anche questa volta, un considerevole numero di
date sparse in lungo e in largo per la nostra penisola,segno forse
del gradimento da parte del pubblico,o forse più semplicemente segno dell'ammirevole disponibilità dei nostri
nell'intento di promuovere nel migliore dei modi la loro musica.
A distanza esatta di un anno,si diceva in apertura,in compagnia di
Bonnie Prince Billy Quartet nella data al Link di Bologna: sia pure
in direzioni differenti,entrambe le formazioni resero bene l'idea
di un iscindibile legame con la "vecchia musica delle radici" che
dalle loro parti,in America,è qualcosa di più che un semplice
genere musicale.
Ma torniamo a noi,e più precisamente agli Old time Relijun,chi sono?
Tre giovani fracassoni che si dilettano nello stile libero del
rock'n'roll più bastardo della specie.
Il giorno successivo sarà il primo di Maggio,e come ogni giorno
prefestivo che si rispetti,si è in molti ad affollare strade,
autostrade,pubs,osterie ed anche piccoli locali come il Clandestino.
Intorno alla mezzanotte inizia il concerto,il pubblico,per lo più
composto da "casuali e curiosi" sembra gradire,ma nel giro di neanche
mezz'ora il Clandestino si svuota per lasciare spazio ai fans.
L'attacco iniziale di Arrington De Dionyso con la sua chitarra
da "dilettante" introduce immediatamente in una dimensione rock
dai percorsi non obbligati ma dovuti:riffs ultra minimali sputati con
imperizia dalla sei corde,che poco importa se non è ben accordata
(vero Arrington?);sferragliate di slide,ritmiche mutuate dal jazz e
dal blues,punk rozzo e ossa rotte,i Cramps e Captain Beefheart che
si battono a braccio di ferro,filastrocche infantili e ruggiti vocali.
Ma ciò che fa più male è la sensazione che si prova quando sembra di
riascoltare,a tratti,il formidabile Jon Spencer con la sua Blues
Explosion di "Crypt Style", quando aveva tutto da perdere e poco
da guadagnare.Per fortuna,con il concerto Arrington De Dionyso
ha voluto ricordarci quanto già detto qualche anno fa con l'uscita
discografica su K records,ovvero le sue origini:utero e fuoco;
e noi non possiamo sperare che continui a mantenerle in bell'evidenza.


by Massimiliano Drommi - 12-5-2001

spedisci questa recensione ad un'amico

commenta questa recensione: vai al forum

 

 
<< ritorna alla homepage

n e w s l e t t e r
Per notizie sempre fresche, barzellette, curiosita' ed altro ogni lunedi. Iscriviti, e' gratis!
p o l l s
Ti piace la nuova homepage?
si, bella e facile nella consultazione
no, un bordello
mah
bella ma lenta
troppi colori


© 2000-2001 MIUZIK.IT Tutti i diritti riservati.

disclaimer | A & R | legal | cos'e' miuzik?| staff/contact us | advertise with us